Dio crea mediante la sua impotenza, si afferma negandosi, cioè nascondendosi nella sua negazione. Dio crea negandosi, negando la propria esistenza. Dio emerge dal suo togliersi; anzi è questo suo stesso togliersi; la sua potenza è il suo stesso togliersi; questa è sempre la forma con cui lo Spirito agisce, la forma del suo agire. Dio si nasconde nelle leggi della natura, della necessità e della logica, si nasconde nelle evidenze; esse sono le forme della sua negazione (e perciò le forme della sua esistenza). Le sue leggi, il suo modo di essere sono appunto la dimostrazione della sua inesistenza. Dio 'manifesta', presenta la sua inesistenza.

 

(Andrea Emo, Quaderni di Metafisica 1927-1981)

 

Il nulla è l'ombra di Dio.

 

(Nicolás Gómez Dávila, Escolios a un texto implícito)


 

A cura di Antonio Lombardi